Trapani Oggi

Spaccio di droga a Mazara: 11 condanne. Erano coinvolti nel blitz Sugar della Finanza - Trapani Oggi

Mazara del Vallo | Cronaca

Spaccio di droga a Mazara: 11 condanne. Erano coinvolti nel blitz Sugar della Finanza

07 Settembre 2023 08:05, di Redazione
visite 1421

La pena più severa (4 anni e 2 mesi di carcere e 10 mila euro di multa) inflitta a Salvatore Addolorato

Undici persone coinvolte nell’operazione antidroga della Guardia di finanza «Sugar», sono state condannate, con rito abbreviato, dal gup di Palermo Rosario Di Gioia. L'operazione scattata l’1 dicembre 2022 scardinò a Mazara del Vallo (Tp), due organizzazioni criminali accusate di gestire altrettante piazze di spaccio, sono state condannate.

La pena più severa (4 anni e 2 mesi di carcere e 10 mila euro di multa) è stata inflitta a Salvatore Addolorato, di 46 anni, presunto leader di una delle due organizzazioni. A capeggiare l’altra, secondo l’accusa, sarebbe stata una sua cugina, Rachela Maria Addolorato, di 48 anni, condannata a due anni e 2 mesi per spaccio, ma assolta da associazione per delinquere. Di questo secondo gruppo avrebbero fatto parte anche il marito Pietro Perniciaro, condannato a due anni e 4 mesi, i figli Paola e Giuseppe Perniciaro (due anni e 4 mesi anche per quest’ultimo), la madre Clara Policardo, il fratello Salvatore Addolorato, di 28 anni, condannato a due anni e mezzo, e la compagna Francesca Pizzo.

Gli altri imputati condannati dal gup Di Gioia sono Alessandro Accardi (tre anni di carcere), Giuseppe Addolorato (due anni e 4 mesi), Francesco Addolorato (due anni), Gianluca Addolorato (due anni), Alex Salerno (un anno e 10 mesi), Mario Carmelo Addolorato (un anno e 8 mesi). Per gli ultimi quattro la pena è stata sospesa.

Disposta la confisca del motopesca “Domenico Infante» del 46enne Salvatore Addolorato. Sono stati, infine, assolti «per non aver commesso il fatto» Roberto Culicchia e Michele Alfano, rispettivamente di 42 e 53 anni.

I due gruppi criminali avrebbero gestito le rispettive piazze di spaccio entrambe nel quartiere popolare di «Mazara 2». Ciò, secondo quanto emerso nelle indagini coordinate dalla Dda di Palermo, attraverso una capillare rete di distribuzione in grado di perfezionare quotidianamente molteplici cessioni di sostanza stupefacente, diversificandone l’offerta: dal crack, alla marijuna, all’hashish e alla cocaina. Ventuno, in tutto, le persone indagate. Per 13 di loro fu disposta la misura cautelare del divieto di dimora nelle province di Palermo, Trapani e Agrigento, per gli altri otto l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

© Riproduzione riservata

De Luca
Ti potrebbero interessare
Altre Notizie