Trapani Oggi

Operazione "Vulcano", arrestati due fratelli per detenzione di armi - Trapani Oggi

Vita |

Operazione "Vulcano", arrestati due fratelli per detenzione di armi

03 Dicembre 2012 15:55, di Redazione
visite 603

Un piccolo arsenale, custodito in un casolare nelle campagne di Alcamo, e un laboratorio per l’alterazione di armi, sul territorio di Partinico, sono ...

Un piccolo arsenale, custodito in un casolare nelle campagne di Alcamo, e un laboratorio per l’alterazione di armi, sul territorio di Partinico, sono stati scoperti dalla Polizia. A finire in cella due fratelli, Mario e Marcello Pontearso, trovati in possesso di due pistole e parti di armi clandestine, munizionida guerra e attrezzatura per la costruzione di parti di armi e assemblaggio di proiettili. I due erano da qualche tempo sotto osservazione da parte degli inquirenti alcamesi, specie dopo che uno dei due, Mario, si era trasferito a vivere nella campagna alcamese senza registrare la propria residenza all’Ufficio anagrafe. Nell'abitazione dell'uomo sono stati ritrovati, nascosti all’interno di una grossa valigia chiusa con la combinazione, due pistole - di cui una di fabbricazione estera - senza alcun segno o numero identificativo, mentre, l’altra risultava essere una pistola a salve modificata in modo da poter sparare proiettili veri. Trecentocinquanta le cartucce, di diverso calibro, rinvenute dagli agenti. La perquisizione domiciliare a Partinico a casa dell'altro fratello, Marcello Pontearso, che si trovava già agli arresti domiciliari per un altro reato, ha portato al sequestro di un tornio, di una canna perfettamente compatibile, per fattezze, misura e composizione del materiale, a quella montata sulla pistola a salve, un attrezzo per l’assemblaggio dei proiettili e materiale vario tipico di chi lavora con le armi. Le indagini proseguono per cercare di risalire ai contatti dei fratelli Pontearso, visto che alcune delle armi e delle munizioni sequestrate sono state illegalmente importate dall’ex Jugoslavia. Marcello Pontearso viene ritenuto dagli inquirenti uno “specialista” dei meccanismi di funzionamento delle armi in grado di riprodurre parti indispensabili per il loro funzionamento.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie