Trapani Oggi

Ancora tensioni al carcere di Trapani - Trapani Oggi

Trapani | Cronaca

Ancora tensioni al carcere di Trapani

13 Ottobre 2023 10:29, di
visite 1472

Detenuti escono dalle celle e occupano un intero piano della sezione

Tensione al carcere di Trapani, dove ieri pomeriggio c'è stata una vera e propria rivolta. I detenuti hanno occupato un intero piano. A darne notizia la Uilpa che in una nota racconta i momenti di altissima tensione che si sono vissuti fino a notte fonda.

“Una ventina di detenuti asserragliati – scrive Gioacchino Veneziano - usando le brande di ferro, hanno divelto i cancelli riuscendo a uscire dalle celle occupando un intero piano della sezione, e per evitare l'ingresso del personale hanno bloccato lo sbarramento usando i piedi di legno dei tavolini, cospargendo di olio il corridoio, pronti pure ad adoperare le bombolette di gas contro la Polizia Penitenziaria. Quanto accaduto ieri, dalle 18.00 di ieri pomeriggio e sino alla 02.00 di stanotte al carcere Pietro Cerulli di Trapani – continua il sindacalista – è la conferma che il sistema carcerario è in mano ai detenuti, e i provvedimenti dal Governo sono dei pannicelli caldi rispetto la recrudescenza della delinquenza nelle prigioni italiane sapendo che la Polizia Penitenziaria ha le mani legate. Gli stessi rivoltosi ieri sera prendevano il giro il personale che cercava di intervenire”.

“Abbiamo scritto più di una volta – insiste il leader della Uil Regionale di settore – che per i detenuti recidivi facinorosi che si macchiano continuamente di azioni violente contro la Polizia Penitenziaria devono essere trasferiti in reparti speciali perché spostarli in altre carceri significa trasportare il problema e non risolverlo, anche perché la spada di Damocle dell'incriminazione a torturatore è presente ovunque”.

“Solidarietà a tutto il personale di Polizia Penitenziaria di Trapani che è accorso in forze e si è messo subito a disposizione del Direttore Fabio Prestopino e del Comandante, ma – conclude il sindacalista Regionale UilPa Polizia Penitenziaria – rimane l'amarezza che davanti ad una azione di distruzione di un intero reparto da parte di delinquenti incalliti, il Corpo di Polizia Penitenziaria pur sapendo bene come gestire queste situazioni, purtroppo anno dopo anno le denunce, le condanne poi ribaltate in appello, i provvedimenti disciplinari, le inchieste per ipotesi di atti di tortura poi derubricate. hanno depotenziato il sistema sicurezza carcere, anzi sino a stamattina gli stessi detenuti rivoltosi erano ancora comodamente asserragliati in barba alla disposizione del Capo DAP che imponeva il trasferimento dei rivoltosi fuori regione”.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie