Trapani Oggi

Domenica derby cestistico a Barcellona - Trapani Oggi

Trapani-Erice |

Domenica derby cestistico a Barcellona

24 Ottobre 2013 14:29, di Niki Mazzara
visite 690

Domenica si gioca il derby di Lega Adecco Gold tra Barcellona e Pallacanestro Trapani. Il collega Fabio Tartamella ha realizzato una intervista con Fr...

Domenica si gioca il derby di Lega Adecco Gold tra Barcellona e Pallacanestro Trapani. Il collega Fabio Tartamella ha realizzato una intervista con Francesco Lima D.S. della Pallacanestro Trapani, intervista che pubblichiamo. Francesco, qual è il significato della sfida tra Trapani e Barcellona? “E' un derby. Per Trapani è 'il derby' per antonomasia. Forse per loro, data la vicinanza geografica, è più importante la sfida con Capo d'Orlando ma per noi questa è una partita dal sapore particolare”. Un suo ricordo legato alla sfida tra Trapani e Barcellona. “Come dimenticare la stagione 2009/2010, quando la corazzata di Barcellona venne a Trapani a giocare una partita che ricordo come fosse stata giocata ieri. Quella era la Barcellona di Guarino, Bisconti e Svoboda e al loro seguito si presentarono al Pala Ilio quasi 500 barcellonesi che riempirono e colorarono di rosso e giallo tutta una curva. Fu uno spettacolo dentro e fuori del campo, una bella vetrina per la pallacanestro”. Ha appena citato tre giocatori: Guarino, Svoboda e Bisconti. Se non sbaglio l'anno successivo riuscì nell'impresa di prendere il pacchetto completo. “Vero... Quell'anno eravamo noi che volevamo vincere il campionato! Erano giocatori che per la categoria facevano la differenza. E infatti l'hanno fatta! Poi noi abbiamo avuto la fortuna di inserirli in un contesto che già annoverava due giocatori straordinari: Evangelisti e Santarossa”. Qual è la differenza tra Trapani e Barcellona oggi? “Loro sono spaziali per la categoria. Sono costruiti per vincere e non possono pensare ad altro. Noi siamo stati costruiti per crescere! E' questa la differenza. Noi dobbiamo migliorare giorno dopo giorno. Siamo nati il 7 di luglio ad abbiamo fatto un doppio salto. Dobbiamo imparare ed acquisire esperienza. Non entrando nell'aspetto tecnico, che non mi compete, lasciami però dire che abbiamo avuto la fortuna di prendere giocatori il cui spessore umano è veramente fuori dal comune. Per non parlare poi di Lino Lardo, averlo qui con noi è stato come vincere il superenalotto. Sono fermamente convinto che alla lunga le qualità umane siano quelle che fanno la differenza”. Abbiamo capito che sarà una partita sui generis. Chi potrà patire maggiormente la pressione? "Parto dal presupposto che a mio modesto parere questa è una di quelle partite che chi fa questo mestiere vorrebbe giocare. Noi non dobbiamo avere alcun tipo di angoscia, l'unico pensiero che dovremo avere sarà quello di seguire i dettami tattici di coach Lardo. Dobbiamo stare tranquilli e sereni. Loro sono troppo forti ed esperti per poter subire la pressione. Certo, se la partita per loro dovesse mettersi male nelle battute iniziali magari la tensione di dover vincere a tutti i costi potrebbe pesare". Francesco, in questi casi la scaramanzia è d'obbligo. Pronostico? “Mai pronostici sulla propria squadra. Men che meno in un derby…”.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie