Trapani Oggi
Trapani Oggi

Giovedì, 17 Giugno 2021

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Inaugurato l'abbeveratoio di via Pepoli - Trapani Oggi

0 Commenti

0

0

0

0

0

Testo

Stampa

Attualità
Trapani-Erice

Inaugurato l'abbeveratoio di via Pepoli

12 Maggio 2021 14:03, di Redazione
Inaugurato l'abbeveratoio di via Pepoli
Attualità
visite 582

Inaugurato ieri sera, lo storico abbeveratoio di via Conte Agostino Pepoli. Fnalmente uno dei più apprezzati monumenti cittadini è ritornato all’antico splendore. Grande l’emozione, specialmente per alcuni anziani abitanti della zona, che da tempo chiedevano di rimettere in funzione l’abbeveratoio. Tra i presenti anche i responsabili della City Green Light (che ha donato le telecamere di sorveglianza), ai quali – unitamente alla A&P Costruzioni – è stata consegnata una pergamena ricordo a titolo di ringraziamento dall’amministrazione. La cerimonia è stata introdotta dalla prof.ssa Lina Novara che ha ricordato ai presenti la storia del monumento. Successivamente, dopo gli interventi del sindaco Tranchida e del Vescovo Fragnelli incentrati sul tema dell’accoglienza, della condivisione e della fraternità, il Priore e il sindaco di Erice Toscano hanno tagliato il nastro.Il sistema di funzionamento dell’abbeveratoio prevede che i motori si fermino per venti minuti ogni due ore. La sera è previsto lo stop alle 22.30 per riprendere a funzionare alle 8 del mattino seguente. Quattro fari illumineranno ogni sera il monumento.
“Oltre al recupero del monumento in se, da troppo tempo lasciato in abbandono dalle precedenti amministrazioni, – ha affermato il Sindaco Tranchida – il valore culturale ha un aspetto semplice ma vitale: l’acqua che proviene dalle sorgenti ericine di Difali, che supera i confini ed unisce da sempre la comunità trapanese a quella ericina e che addirittura, come un tempo, ne caratterizza la comune generosità nell’offrirla in termini di accoglienza ai pellegrini (forestieri). Questo è il valore culturale di questo monumento e le generazioni che verranno avranno l’onore di essere custodi di questo passato e l’onere di esserne cultori per il futuro”.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings