Trapani Oggi

Operazione antidroga a Marsala, rinvenuti e sequestrati 50 mila euro - Trapani Oggi

Marsala | Cronaca

Operazione antidroga a Marsala, rinvenuti e sequestrati 50 mila euro

17 Febbraio 2023 12:54, di Redazione
visite 1171

Frutto del commercio illegale

Nel corso delle perquisizioni legate all’odierna operazione antidroga sono stati sequestrati
circa 50.000 euro in contanti ritenuti provento della presunta attivitĂ  delittuosa.

In alcune abitazioni sono state anche smantellate le telecamere abusivamente istallate da
alcuni indagati per verificare l’arrivo delle forze di polizia per eventuali controlli.

Dieci degli indagati sono risultati percettori del reddito di cittadinanza (a 5 di loro era stato
giĂ  revocato in quanto non riunivano piĂą i requisiti).

Il provvedimento trae origine dalle indagini condotte dai Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Marsala, coordinati dalla Procura della Repubblica di Marsala, volte a reprimere la fiorente attività di spaccio insistente nel quartiere popolare di “Sappusi”, alla via Virgilio, a ridosso del centro lilibetano.

Secondo gli inquirenti, anche la giovane deceduta per overdose nell’ottobre 2021 (cui è seguito il tragico suicidio del compagno), si sarebbe rifornita in passato in quella “piazza di spaccio”. L’odierna misura cautelare è il frutto della meticolosa analisi, da parte della Procura marsalese, delle acquisizioni investigative di più procedimenti penali e compendia diverse ipotesi di spaccio
di sostanze stupefacenti, anche risalenti al 2019, a carico degli indagati, alcuni dei quali si
sarebbero resi responsabili anche di estorsioni, lesioni personali e finanche di un tentato
sequestro di persona per il recupero crediti da acquirenti insolventi.

Secondo quanto accertato in fase preliminare, la cessione della droga era gestita da tre gruppi di spacciatori, in concorrenza fra loro, al vertice dei quali figurava sempre una donna. Lo stupefacente, proveniente da Palermo attraverso corrieri che effettuavano viaggi su bus di linea, veniva tagliato (spesso grossolanamente) e ceduto all’interno delle abitazioni dei principali indagati, protette da sistemi di videosorveglianza per verificare l’eventuale arrivo delle forze dell’ordine.

Un vero e proprio supermarket h24 della droga, talvolta anche “mal tagliata”, nella totale
indifferenza dei pusher.

Tra gli assuntori di crack, secondo i Carabinieri, figura anche un giovane di una famiglia agiata che, in meno di un anno, avrebbe acquistato più di 1.300 dosi di droga pagando oltre 70.000 euro. Lo stesso, non riuscendo tuttavia a pagare l’ultima tranche di stupefacente, cedutagli a credito, sarebbe stato addirittura costretto, tramite gravi minacce, a cedere l’autovettura e la moto di proprietà. La pressante necessità di denaro avrebbe poi spinto quest’ultimo a minacciare l’anziana madre e una zia, condotte per le quali era stato già destinatario di un’ordinanza applicativa della misura cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Marsala su richiesta della locale Procura, per estorsione e maltrattamenti.

Gli investigatori ritengono inoltre di aver documentato le modalità con cui sarebbero state riciclate le somme di denaro incamerate con l’attività di spaccio, spesso avvalendosi di prestanome che mettevano a disposizione carte prepagate o conti correnti, sui quali gli assuntori di droga versavano il corrispettivo in denaro, poi consegnato in contanti ai pusher.

Sempre nel mondo degli stupefacenti del marsalese, sarebbe maturato anche l’omicidio di un pregiudicato, ucciso a colpi di piede di porco lo scorso 26 settembre 2022 da uno dei principali indagati dell’odierna operazione, già tratto in arresto con l’accusa del grave fatto di sangue.

Dalle indagini è emerso che lo stesso indagato avrebbe anche tentato di introdurre droga (nascosta in confezioni di cioccolatini) nel carcere di Rossano Calabro dove, all’epoca (2019-2020), era recluso per altri reati.

Importante anche la collaborazione dei cittadini di Marsala che, su alcuni social network,
avevano segnalato i presunti spacciatori, suffragando così quanto già i Carabinieri stavano
documentando con le loro attivitĂ  tecniche.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie