Trapani Oggi

Operazione antimafia "Gordio", lascia il carcere il pacecoto Giuseppe Accardo - Trapani Oggi

Paceco | Cronaca

Operazione antimafia "Gordio", lascia il carcere il pacecoto Giuseppe Accardo

10 Settembre 2023 09:49, di Redazione
visite 3693

Lo scorso 3 luglio era stato assolto dall'accusa di associazione per delinquere finalizzata al traffico di droga

È tornato in libertà dopo oltre due anni di carcere Giuseppe Accardo di Paceco. Accardo era stato assolto, lo scorso 3 luglio, dall’accusa di associazione per delinquere finalizzata al traffico di droga, con l’aggravante di aver favorito Cosa Nostra, ma condannato (a quattro anni e 4 mesi di carcere) per il tentativo di acquisto di una partita di droga. Accardo ha già lasciato il carcere Pietro Cerulli di Trapani.

L’ordinanza di scarcerazione è stata emessa in accoglimento della richiesta degli avvocati difensori Natale Pietrafitta e Luigi Pipitone.

L'uomo era stato arrestato, assieme ad altre trenta persone, il 5 luglio 2021 nel corso dell'operazione antimafia denominata “Gordio” portata a termine dai Carabinieri dei Ros di Palermo. A capo dei gruppi che, secondo la ricostruzione accusatoria, si sarebbero occupati dei traffici di droga tra la Sicilia e la Calabria, ci sarebbero stati Michele Vitale, dello storico clan "Fardazza", Michele Casarrubbia e Gioacchino Guida, condannati rispettivamente a 6 anni e 8 mesi, 20 anni e 19 anni.

Ad Accardo era stato contestato l'acquisto di un non meglio precisato quantitativo di stupefacente da un gruppo criminale calabrese e, segnatamente, da Rocco Pesce e Michele Grasso. Si è trattato di un fatto che i carabinieri hanno dedotto da alcune conversazioni e pedinamenti all’esito dei quali era emerso che Accardo si fosse recato da Paceco a Reggio Calabria per definire un accordo economico sul prezzo dello stupefacente da acquistare. Le intercettazioni, però, registravano una “truffa” che avrebbe subito il pacecoto, il quale, dopo aver versato il prezzo, non avrebbe ricevuto in cambio lo stupefacente oggetto dell’accordo. Unico fatto, dell’imponente impianto accusatorio, per il quale Accardo è stato condannato a 4 anni e 4 mesi. Il pubblico ministero Alfredo Gagliardi aveva avanzato una richiesta di condanna a nove anni di reclusione.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie