Trapani Oggi
Trapani Oggi

Lunedì, 21 Giugno 2021

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Salute mentale dei giovani, collaborazione tra Asp di Trapani e quella di Gorizia - Trapani Oggi

0 Commenti

18

5

1

1

2

Testo

Stampa

Salute
Trapani

Salute mentale dei giovani, collaborazione tra Asp di Trapani e quella di Gorizia

14 Aprile 2016 16:31, di Niki Mazara
Salute mentale dei giovani, collaborazione tra Asp di Trapani e quella di Gorizia
Salute
visite 467

Nuovo step della collaborazione tra l'Azienda sanitaria provinciale di Trapani e quella di Gorizia, avviata nel 2014 per diffondere e radicare la strategia sui fattori di protezione della crescita denominata “Abilità di vita-life skills”, in sinergia con l’Istituto Superiore di Sanità. Nei giorni scorsi, al Palabigot di Gorizia, si è svolto un evento organizzato dalla rete "Health Promoting Hospitals & Health Services Friuli Venezia Giulia", riconosciuta dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, di cui è responsabile Cristina Aguzzoli: il “sistema What's up”. Si tratta di un concorso che ha coinvolto tutte le scuole della regione e a cui hanno partecipato 1.300 studenti delle scuole medie superiori. All'evento hanno presenziato il Direttore generale dell'Azienda Sanitaria di Gorizia, l’assessore alla salute della regione Friuli Venezia Giulia, il sindaco di Gorizia, il presidente della provincia friulana e Antonio Sparaco, responsabile del progetto per l'Asp di Trapani. La linea di lavoro si pone l’obiettivo di applicare il “Piano Nazionale della Prevenzione 2014/2018” sul benessere mentale dei giovani, traducendone i diversi passaggi che possono portare dalla salute alla malattia. “Stiamo cercando di realizzare un sistema-salute integrato e nazionale – spiega Sparaco - per la promozione della salute e del benessere mentale nei giovani adolescenti attraverso la costituzione di una regia fra Sanità, Scuola e comunità. Un sistema in grado di governare il percorso di accompagnamento dell’adolescenza a partire dalla salutogenesi, fino alla gestione del rischio - e della presa in carico, ove necessario- rafforzando le capacità di resilienza e promuovendo processi di ‘empowerment’ personali e sociali, attraverso l'uso delle life skills”.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings