Trapani Oggi

Bollette eccedenze Eas: per Co.di.Ci. irregolari anche quelle 2010-11 - Trapani Oggi

Trapani | Attualità

Bollette eccedenze Eas: per Co.di.Ci. irregolari anche quelle 2010-11

03 Settembre 2015 10:13, di Ornella Fulco
visite 760

Resterà aperto dal lunedì al venerdì, dalle 17 alle 19.30, lo sportello informativo attivato in via Giulio Cesare 7 (Casa Santa-Erice) dall'associazio...

Resterà aperto dal lunedì al venerdì, dalle 17 alle 19.30, lo sportello informativo attivato in via Giulio Cesare 7 (Casa Santa-Erice) dall'associazione Co.di.Ci. per fornire assistenza ai cittadini in merito alle bollette inviate dall'Eas sulle eccedenze nei consumi idrici. Lo scorso 29 gennaio, per le gravi anomalie riscontrate nelle bollette relative agli anni 2008 e 2009, notificate oltre il termine di prescrizione quinquennale e riportanti, in svariati casi, consumi spropositati, l'associazione di tutela aveva chiesto al presidente della regione Rosario Crocetta la rimozione dei vertici amministrativi dell'Ente acquedotti siciliani. "A distanza di otto mesi - commenta il segretario regionale di Co.di.Ci. Manfredi Zammataro - non solo non è cambiato nulla ma Eas sta inviando in questi giorni eccedenze a saldo per gli anni 2010-2011 e, da quello che ci viene mostrato dagli utenti, anche tali fatturazioni non appaiono realistiche per vari motivi, e le richieste di pagamento arrivano anche a diverse migliaia di euro". Secondo l'associazione "non è corretto che, a tale distanza di tempo, l'Eas invii fatture riportando consumi asseritamente rilevati quattro anni prima, non concedendo alcuna possibilità al cittadino di verificare l'esattezza dei conteggi. Da confronti con altre fatture di anni precedenti, relative alle stesse utenze, il consumo annuo risulta inferiore". Per il segretario di Codici Trapani, Vincenzo Maltese “appare inevitabile la segnalazione all'Autorità Garante per la Concorrenza e per il Mercato (AGCM) affinchè controlli l'operato dell'Eas e prenda i dovuti provvedimenti, ma soprattutto perchè su tutta questa vicenda vogliamo vederci chiaro, riservandoci di interessare anche altre Autorità competenti".

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie