Trapani Oggi

Carceri di Trapani, due aggressioni in cinque giorni - Trapani Oggi

Trapani | Cronaca

Carceri di Trapani, due aggressioni in cinque giorni

26 Luglio 2023 11:23, di
visite 1072

Il sindacato Sappe: "La situazione ha ormai superato il livello di guardia, servono provvedimenti"

Non si arresta la spirale di violenza alle carceri di Trapani. Due aggressioni in cinque giorni hanno fatto scattare l'allarme. Vittime, gli agenti di polizia penitenziaria in servizio al Pietro Cerulli. 

“La situazione nelle carceri di Trapani – dichiara Calogero Navarra, segretario nazionale per la Sicilia del sindacato Sappe - è davvero preoccupante. Le due aggressioni hanno visti per protagonisti altrettanti detenuti siciliani, di 21 e 35 anni, uno di Palermo e l’altro di Siracusa. Senza alcuna ragione – prosegue - prima uno ha spaccato una radio nella testa di un poliziotto mentre l’altro ha colpito a calci nello stomaco un altro agente. Una violenza folle ed inaccettabile, in un contesto di alta tensione (l’altro giorno i detenuti non sono voluti rientrare nelle celle, restandone fuori dalle 15 alle 18.30), in cui anche la mancanza di adeguati provvedimenti disciplinari e penali verso i detenuti che alterano l’ordine e la sicurezza interna, aggredendo e ferendo il personale di Polizia Penitenziaria, è un segnale estremamente negativo per la stessa tutela ed incolumità fisica degli Agenti”. Navarra stigmatizza i due gravi episodi ed esprime solidarietà ai poliziotti coinvolti: “Con questi ulteriori gravi eventi critici sale vertiginosamente il numero dei poliziotti coinvolti da detenuti senza remore in fatti gravi. Esprimiamo la massima solidarietà e vicinanza a tutti i colleghi del Reparto di Trapani: ma quest’ultimo episodio deve far riflettere i vertici dell’Istituto e della Regione. Ci vuole una completa inversione di rotta nella gestione delle carceri, siamo in balia di questi facinorosi. Facciamo appello anche alle autorità politiche regionali e locali: in carcere non ci sono solo detenuti, ma ci operano umili servitori dello Stato che attualmente si sentono abbandonati dalle Istituzioni… Abbiamo bisogno di personale, il rischio fa parte del nostro lavoro, ne siamo consapevoli, ma giocare al massacro con livelli di sicurezza che non permettono minimamente di tutelare l’incolumità dei lavoratori non è accettabile”. “Il Sappe”, conclude, “accusa ancora una volta l’Amministrazione Penitenziaria di scarsa attenzione sulla problematica dei detenuti stranieri che sta rendendo il lavoro della Polizia Penitenziaria sempre più difficile”. “La cosa più grave che emerge da queste giornate di follia”, aggiunge il Segretario Generale del Sappe Donato Capece, “è che nulla l'Amministrazione riesce a realizzare per eliminare queste criticità. Tale situazione di immobilismo da parte dell'amministrazione penitenziaria sta mettendo a dura prova il lavoro della Polizia Penitenziaria, tanto che come Sappe stiamo decidendo di dare vita a breve ad eclatanti azioni di protesta per manifestare il proprio disagio lavorativo”. Per questo, il leader del Sappe “auspica in un celere intervento di questo Governo sulle continue aggressioni al personale oramai all’ordine del giorno”. E si rivolge in particolare al Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria Giovanni Russo: “Al Capo DAP Russo rinnoviamo l’invito ad incontrare il SAPPE per affrontare i temi della gestione dei detenuti stranieri, dei malati psichiatrici, della riorganizzazione istituti, della riforma della media sicurezza. Ma chiediamo anche l’immediata applicazione dell’articolo 14 bis dell’ordinamento penitenziario, che prevede restrizioni adatte a contenere soggetti violenti e pericolosi. Sarebbe opportuno dotare al più presto la Polizia Penitenziaria del taser o, comunque, di altro strumento utile a difendersi dalla violenza di delinquenti che non hanno alcun rispetto delle regole e delle persone che rappresentano lo Stato". Per questo, il primo Sindacato della Polizia Penitenziaria non esclude clamorose forme di protesta dei poliziotti: “perché ormai il tempo delle interlocuzioni è finito: in questi ultimi anni ci siamo recati in ogni istituto di pena del Paese, per adulti e minori, abbiamo pazientemente ascoltato il personale, abbiamo scritto e riscritto alle varie Autorità competenti, ma ci rendiamo conto che chi di dovere non ha ancora intrapreso le iniziative che abbiamo richiesto e che ci aspettavamo”.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie