Trapani Oggi

Catania: Stupro di gruppo, vittima una 13enne, fermato il settimo indagato - Trapani Oggi

Sicilia

Catania: Stupro di gruppo, vittima una 13enne, fermato il settimo indagato

03 Febbraio 2024 19:39, di Redazione
visite 656

La violenza consumata nella Villa Bellini

Catania - Una tredicenne è stata violentata nei giardini comunali della Villa Bellini di Catania da sette persone. Secondo quanto si è appreso, la Procura distrettuale di Catania e quella presso il tribunale dei minorenni hanno già disposto e fatto eseguire dai carabinieri il fermo di sei sospettati. Il settimo è irreperibile. Sarebbero tutti egiziani e tre di loro non sarebbero maggiorenni, compreso l'irreperibile. La ragazzina sarebbe stata violentata da due degli indagati sotto gli sguardi degli altri cinque. La tredicenne era con il fidanzato che è stato minacciato, bloccato e tenuto lontano. Gli abusi sarebbero avvenuti nei bagni pubblici della Villa Bellini.

È stato fermato dai carabinieri di Catania il settimo indagato per la violenza sessuale di gruppo nei confronti di una 13enne nella Villa Bellini. È uno dei tre minorenni indagati trovato nella comunità dove alloggiava mentre recuperava degli effetti personali. Secondo gli investigatori stava per fuggire nel tentativo di far perdere le proprie tracce. Nell’esecuzione dei fermi i carabinieri hanno condotto
tre maggiorenni in carcere e uno agli arresti domiciliari e i tre minorenni in un centro di precautelare di prima accoglienza. Gli abusi sarebbero stati commessi la sera dello scorso 30 gennaio. Nei bagni della villa il «branco» avrebbe minacciato i due fidanzatini, lei tredicenne e lui di 17 anni, abusando della ragazzina. A fare avviare le indagini dei carabinieri sono stati i due fidanzati, che hanno denunciato la violenza. All’identificazione dei sette si è giunti grazie alla testimonianza della vittima e del fidanzato e agli accertamenti svolti.

I sette indagati, si legge in una nota congiunta delle procure distrettuale e per i minorenni di Catania, erano «entrati in Italia da minorenni e, in forza della legislazione vigente, accolti in strutture; in ragione della minore età vige, infatti, il divieto di espulsione con la possibilità del rilascio da parte della questura competente del permesso di soggiorno fino al compimento della maggiore età».

«Al temine di un ininterrotto sforzo investigativo - si sottolinea nel comunicato - i carabinieri nel giro di meno di 48 ore, sarebbero riusciti a chiudere il cerchio attorno ai responsabili. Dal primo pomeriggio di ieri, in stretto coordinamento con le due Procure, è quindi scattato il blitz, durato fino alle prime luci dell’alba di questa mattina, che ha consentito di catturare i sette sospettati, l’ultimo dei quali rintracciato dopo una iniziale fuga, tra cui i due esecutori materiali della violenza sessuale entrambi minorenni».

«Al riguardo - spiegano le due procure - è stato assolutamente rilevante l’aspetto delle investigazioni scientifiche. Personale specializzato del comando provinciale carabinieri di Catania è infatti riuscito, attraverso un minuzioso studio delle tracce forensi a individuare in meno di 24 ore le tracce biologiche relative alla violenza tracce che, analizzate in pochissime ore dal Ris di Messina, hanno restituito un match positivo coincidente con quello del minore che avrebbe fisicamente violentato la 13enne»

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie