Trapani Oggi

Respinta revoca potestà, ma Gentile seguirà percorso legalità - Trapani Oggi

Campobello di Mazara | Cronaca

Respinta revoca potestà, ma Gentile seguirà percorso legalità

24 Gennaio 2024 05:55, di Redazione
visite 1140

L'esercizio della responsabilità dei genitori, in definitiva, resta in capo al padre della minore

«Non sembra in questo momento incombente la necessità immediata di un allontanamento della bambina con interruzione dei contatti con la madre": lo sostiene il tribunale dei minori di Palermo che ha respinto l’istanza della procura dei minori di revoca della potestà genitoriale a Martina Gentile, figlia della maestra Laura Bonafede, amante storica del boss Matteo Messina Denaro. La giovane è ai domiciliari con l’accusa di favoreggiamento aggravato e procurata inosservanza della pena: avrebbe aiutato il capomafia a sottrarsi alla cattura, contribuendo a gestirne le comunicazioni. Il giudice ha dunque lasciato la bimba a casa, ma ha sospeso la potestà genitoriale imponendo alla Gentile, difesa dall’avvocato Raffaele Bonsignore, di sottoporsi a percorsi di educazione alla legalità. "Va, infatti, innanzitutto, rilevato che il reato per il quale la Gentile è indagata non è connotato da violenza fisica o minaccia alla persona e -pur potendo determinare negative ricadute- non è direttamente rivolto contro i familiari», si legge nella decisione. Il tribunale ricorda inoltre che il gip, nel disporre i domiciliari per la ragazza, aveva escluso che a suo carico ricorressero «esigenze cautelari di eccezionale rilevanza tali da imporre la custodia cautelare in carcere». "Deve, poi, tenersi conto del fatto che la rottura del legame o l'allontanamento dai genitori costituiscono una extrema ratio -spiega lil tribunale - da adottare solo quando siano falliti i tentativi di recupero di una genitorialità responsabile, e che l'interruzione della consuetudine di vita con la madre -data la tenerissima età della piccola e la circostanza che tale consuetudine è comunque caratterizzata da intensa affettività reciproca- è idonea ad indurre, nell’immediato, vissuti abbandonici e sofferenze, laddove il rischio specifico di cui si è fin qui detto, agisce e si dimostra in un tempo dilatato, nel corso del quale possono essere tentati ulteriori rimedi attraverso l’azione sulle competenze genitoriali».

"Riguardo al padre della minore, infine, - conclude - non emergono in questo momento elementi che inducano a ritenere un coinvolgimento penale o socioculturale deviante e la bambina può godere anche dell’affetto e della guida della nonna paterna, che anche lei non sembra toccata dall’appartenenza a contesti criminali o devianti». L'esercizio della responsabilità dei genitori, in definitiva, resta in capo al padre della minore che non deve interrompere i contatti con la madre. Gentile dovrà dunque seguire un percorso di recupero, "attraverso l’inserimento in attività formative presso associazioni o enti impegnati specificamente nel contrasto culturale e sociale al fenomeno mafioso, valutando anche la necessità di un allontanamento suo e della bambina dal contesto territoriale»

© Riproduzione riservata

De Luca
Ti potrebbero interessare
Altre Notizie