Trapani Oggi

Operazione Fox, sequestrato un bar di Marsala - Trapani Oggi

Marsala | Cronaca

Operazione Fox, sequestrato un bar di Marsala

01 Giugno 2023 09:53, di
visite 1106

Il blitz dei carabinieri smantellò un vasto traffico di cocaina sull'asse Marsala-Catania. Undici indagati

L'operazione Fox, che smantellò un vasto traffico di droga sull'asse Marsala-Catania, si arricchisce di un nuovo capitolo. I carabinieri hanno sequestrato il bar Pieruccio e  beni  riconducibili, secondo le risultanze investigative,  a  Vincenzo Fabio Licari, il marsalese di 47 anni coinvolto nel blitz assieme ad altri dieci indagati. 
Secondo i carabinieri e la Procura il bar sarebbe stato realizzato con  i  proventi del traffico di cocaina, ovvero avrebbe  un valore sproporzionato rispetto al reddito dichiarato dall’indagato.

Licari infatti, disoccupato e percettore del reddito di cittadinanza, secondo la ricostruzione degli inquirenti, avvalendosi di prestanome o parenti stretti per eludere le indagini patrimoniali, avrebbe avuto la diretta disponibilità, assieme alla moglie, di due immobili, una casa su tre livelli e il chiosco adibito a bar, peraltro costruiti abusivamente, e vari beni mobili (due auto e due ciclomotori), di valore non giustificabile rispetto ai redditi dichiarati. Il bar abusivo ufficialmente è di Aldo Vinci che lo gestisce assieme al figlio Francesco. 

L’ipotesi investigativa è che Licari si sia procurato i beni mobili ed abbia costruito gli immobili con il provento della lucrosa attività di traffico di droga, intestandoli a persone a lui vicine per rapporti di parentela o di amicizia proprio per non destare sospetti.
I Carabinieri ritengono tuttavia di essere riusciti a dimostrare la riconducibilità dei beni a Licari , attraverso la minuziosa analisi del suo stato patrimoniale “ufficiale”, a documentare una presunta netta sproporzione tra la ricchezza dichiarata e quella reale: i redditi “leciti” del nucleo familiare dell’indagato e della moglie (si ripete, addirittura percettori del reddito di cittadinanza), complessivamente valutati per il periodo compreso tra il 2017 e il 2021, non sarebbero stati sufficienti neppure a far fronte alle esigenze primarie di vita, a fronte invece di un patrimonio immobiliare (ed anche economico-finanziario) particolarmente ingente.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie