Trapani Oggi

Scrigno, gli avvocati: faremo appello - Trapani Oggi

Cronaca

Scrigno, gli avvocati: faremo appello

12 Aprile 2023 18:13, di Luigi Todaro
visite 2428

I legali degli imputati annunciano di fare ricorso contro la sentenza del tribunale di Trapani

L' ex deputato regionale Paolo Ruggirello è stato condannato a 12 anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa. I Pm della Dda, invece, avevano invocato 20 anni di carcere contestando all'imputato l'associazione mafiosa. Il tribunale di Trapani, però, ha riqualificato il reato. "Attendiamo le motivazioni- ha dichiarato l'avvocato Vito Galluffo- e presenteremo appello". “Non condividiamo – ha proseguito - la sentenza, sono state omesse alcune prove e valutazioni che escludono anche il concorso esterno nell'associazione mafiosa di Paolo Ruggirello”. 

Riqualificati anche i reati - da corruzione mafiosa elettorale a corruzione elettorale- per altri due imputati del processo Scrigno: l' ex consigliere comunale di Trapani ed ex consigliere provinciale Vito Mannina e Alessandro Manuguerra già consigliere comunale di Erice. "La sentenza - ha dichiarato Simona Mannina, figlia di Vito- ha dimostrato L'estraneità della mia famiglia alla mafia”. 
“Ovviamente - ha detto l' avvocato Fabio Sammartano, legale di Alessandro Manuguerra – proporremo  appello avverso la sentenza di oggi,  nei termini di legge entro i quali maturità la prescrizione del reato”.

Già nel corso del dibattimento il tenente dei carabinieri Vito Cito dichiarò che i “Virga non votarono per Alessandro Manuguerra”. “Vito Gucciardi non è esponente di Cosa nostra e la sentenza è ingiusta”.  Così si espresso l’avvocato Nino Sugamele che ha sottolineato che “le prove testimoniali raccolte in udienza del maggiore dei carabinieri Berlingeri, del tenente Cito e del maresciallo  Tranchida escludono categoricamente la partecipazione del Gucciardi alla mafia. Difficile, quindi, - conclude il legale -  comprendere la condanna a 12 anni di reclusione. Formalizzeremo l’ appello non appena verrà depositata la motivazione”. 
Infine,  va sottolineato  che il comune di Erice – costituitosi parte civile - aveva chiesto un mega risarcimento pari a un  milione e mezzo di euro per danno d’immagine. Il  tribunale, invece, ha liquidato il risarcimento  in  3.000 in via equitativa.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie