Trapani Oggi

Segnali di ripresa per il settore vitivinicolo siciliano - Trapani Oggi

Trapani | Attualità

Segnali di ripresa per il settore vitivinicolo siciliano

08 Novembre 2021 08:44, di Francesco Graziano
visite 1121

Nonostante la pandemia le aziende siciliane hanno reagito bene

Il mondo vitivinicolo siciliano registra un vero e proprio segnale di ripresa.

Questi sono i dati emersi durante  il workshop  “ Le politiche di gestione  innovative e il ruolo della formazione per la ripresa . Gli effetti della pandemia sui risultati economici delle aziende vitivinicole siciliane”, che si è svolto nella sede di Assovini Sicilia.

Durante l’incontro , il professore Sebastiano Torcivia del Dipartimento di Scienze economiche Aziendali e staistiche dell’Unipa , Laurent Bernard de la Gatinais presidente di  Assovini Sicilia , hanno commentato i dati del 2020 di ventitrè grandi aziende  siciliane del vino. Fatturato, redditività, fiscalità, resistenza , ripresa, sono questi i parametri utilizzati nello studio.

“Nonostante sia stata registrata una perdita media  del fatturato del 20% le aziende siciliane hanno reagito bene agli effetti della pandemia, grazie ad un approccio più strategico nella progettazione della multicanalità  e nell’utilizzo delle piattaforme digitali, entrambi, strumenti fondamentali  a supporto della promozione e commercializzazione del vino” - ha commentato il Professore Sebastiano Torcivia.

Se le perdite più significative per le aziende vitivinicole, in termini di fatturato, sono state riscontrate nel settore dell’Ho.re.ca, il settore della Gdo , al contrario, ha evidenziato una vigorosa ripresa, grazie ad un cambiamento delle abitudini dei consumatori che, durante la pandemia , hanno mostrato una tendenza verso la la fascia medio-alta nell’acquisto dei vini . “Abbiamo assistituto – commenta il professore Torcivia- ad una maggiore sensibilizzazione dei consumatori verso una cultura del vino di qualità . Da un lato la domanda ha trascinato l’offerta, dall’altro il consumatore si è orientato verso una spesa più alta”.

“La Sicilia vitivinicola è sempre competitiva e sempre di più lo sarà- commenta il presidente di Assovini Sicilia, Laurent de la Gatinais- attraverso l’offerta di una varietà di prodotti con un ottimo rapporto qualità prezzo . Nel nostro settore e tra i nostri associati, si averte una grande voglia di ripresa e di aggredire i mercati puntando, non solo su due vitigni siciliani d’eccezione, come il Grillo e Nero d’Avola ma anche su vitigni come Carricante, Nerello mascalese, Cataratto, Perricone. Sempre di più, la Sicilia si afferma vero continente del vino e della biodiversità”.

Durante il workshop, è stata anche presentata la sedicesima edizione del Master promosso dal Dipartimento di Scienze Economiche Aziendali e Statistiche dell’Università di Palermo coordinato dal Prof. Sebastiano Torcivia.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie