Trapani Oggi
Trapani Oggi

Giovedì, 04 Marzo 2021

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Tranchida chiede un incontro alla Figc sulla vicenda Trapani Calcio - Trapani Oggi

0 Commenti

0

0

0

0

0

Testo

Stampa

Sport
Trapani

Tranchida chiede un incontro alla Figc sulla vicenda Trapani Calcio

24 Settembre 2020 14:28, di Salvatore Morselli
Tranchida chiede un incontro alla Figc sulla vicenda Trapani Calcio
Sport
visite 964

In una nota indirizzata al presidente della Figc e per conoscenza a quello della Lega Pro il sindaco di Trapani Giacomo Tranchidfa interviene sulla vicenda, sempre più ingarbugliata, legata al passaggio di proprietà del Trapani Calcio e chiede un incontro urgete.Tranchida rciorda come il Trapani Calcio "al termine del Campionato di serie B, dello scorso anno, è stato retrocesso, a causa della penalizzazione di 2 punti, per non aver corrisposto €.70.000.00, nei termini previsti dalle norme federali, ai tesserati. 
Da quel momento è iniziata una discussione avente ad oggetto, dapprima la capacità della Società di iscriversi al campionato, ed in seguito la concreta possibilità di poter materialmente parteciparvi. 
A fronte di ciò, i cittadini ed i correttissimi tifosi Trapanesi hanno chiesto alla proprietà di vendere la Società a loro stessi, ovvero a soggetti in grado di assicurare la regolare partecipazione al Campionato di Lega PRO.Dinnanzi a tali questioni, seppur di carattere societario, - ricorda Tranchida - è stato chiesto all'Ammistrazione Comunale di farsi garante di un percorso trasparente, che potesse assicurare un futuro alla maglia, che riproduce l'araldo del Comune di Trapani.  L'Amministrazione, seppure è rimasta estranea alle vicende commerciali, ha cercato di svolgere il ruolo di garante, offrendo i palazzi istituzionali, quale sede del confronto tra le eventuali parti.  Purtroppo, nonostante l'interesse dell'Amministrazione fosse quello di assicurare trasparenza ed un futuro al Trapani Calcio, le parti che hanno discusso della cessione del club non stanno garantendo, ad oggi nessuna delle predette due condizioni. 
Ma v'è di più. 
Infatti, non solo le operazioni societarie sembrano avvolte dalla nebbia, ma soprattutto non v'è alcuna certezza sulla capacità della compagine di assicurare una serena partecipazione al campionato. 
Basti pensare che ad oggi, è certo che molti lavoratori ed alcuni fornitori stanno presentando innanzi al Tribunale di Trapani, istanza di fallimento della Società e, che, nonostante la diffida del 10 settembre e del 24 settembre 2020, la medesima non sta più rispettando le condizioni di affidamento del centro sportivo comunale "Roberto Sorrentino", concessogli dal Comune. 
A tutto ciò si aggiunge che non v'è notizia dei pagamenti degli emolumenti ai tesserati, che dovrebbero avvenire entro il 30 settembre 2020. Ove cio non avvenisse, con l'aggravante della recidiva, il Trapani Calcio S.r.l. subirà una ulteriore sanzione, che renderebbe improba la partecipazione al campionato. 
Infine, la società non è stata nelle condizioni di assicurare lo svolgimento delle sedute di allenamento, nonché il funzionamento logistico ed a quanto sembra anche il rispetto di semplici protocolli sanitari anti covid, che attualmente risultano rispettati anche dalle compagini dilettantistiche. 
Tutto ciò premesso, considerato che il Trapani Calcio rappresenta un presidio, oltre che sportivo, anche sociale, al fine di meglio comprendere quanto stia avvenendo, anche allo scopo di poter compiutamente svolgere il ruolo di garante, è d'uopo chiedere alla SS.LL. un incontro urgente e ci si augura risolutivo delle vicende".
Ora si attende la conferenza stampa di Pellino. Cosa dirà di nuovo e sopratutto chiarirà, una volta e per tutte, quale il suo reale ruolo nel Trapani Calcio? 
INTANTO INTERVIENE ANCHE L'ASSOSTAMPA
"L’Associazione Siciliana della Stampa, sindacato unico dei giornalisti, guarda con preoccupazione a quanto sta accadendo in queste ore all’interno della società sportiva del Trapani calcio tra notizie, non verificate e smentite dalla questura, di intimidazioni, e con 16 dipendenti, tra cui una collega giornalista professionista, che da quasi quattro mesi sono senza stipendio”. Lo dichiara Vito Orlando, segretario provinciale di Assostampa Trapani. “Addirittura tal Gianluca Pellino, li definisce ex dipendenti, senza che sia loro arrivato alcun provvedimento di licenziamento da parte del presidente del consiglio di amministrazione del Trapani Calcio srl, unico soggetto delegato a interrompere i rapporti di lavoro tra i dipendenti e la società. Nel profilo facebook di questo soggetto, che avrebbe a suo dire meno del 10 % delle azioni della società, si apprende ora che si dovrebbe tenere nel pomeriggio una conferenza stampa, indetta da un autonominato addetto stampa del Trapani Calcio. Si chiede allora, chiarezza e trasparenza da parte dei legali rappresentanti della società – conclude Orlando -  su ruoli e funzioni dei loro rappresentanti aziendali e una soddisfazione delle legittime aspettative dei dipendenti, in particolare della responsabile dell’ufficio stampa, il cui contratto di lavoro, a tempo indeterminato, è anche depositato alla Federazione italiana giuoco calcio”.
 

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings