Trapani Oggi

Come ottimizzare il consumo energetico del computer - Trapani Oggi

Come ottimizzare il consumo energetico del computer

26 Ottobre 2023 17:21, di Eros Santoni
visite 352

I costi relativi all'energia elettrica sono abbastanza importanti, motivo per il quale è necessario cercare di ridurre i consumi in modo intelligente

Tra i dispositivi più semplici da ottimizzare vi è il computer. Se per alcune attività, come il video editing, bisogna utilizzare tutte le risorse del PC, per svolgere altre funzioni, come la videoscrittura, l'ascolto della musica o giocare con i casinò online è possibile ridurre le prestazioni e il conseguente dispendio energetico. Ecco alcuni trucchi per ottimizzare i consumi durante l'uso del computer.

Attivare il risparmio energetico
Il primo passo è quello inerente all'impostazione della modalità di risparmio energetico, presente in tutti i sistemi operativi. Spesso è possibile abilitare la funzione cliccando direttamente sull'icona della batteria. L'utente ha la possibilità di impostare diversi profili e di scegliere le performance desiderate, al fine di limitare i consumi del dispositivo quando non occorre grande potenza. Alcuni sistemi operativi offrono la possibilità di disattivare i dischi rigidi trascorso un determinato lasso di tempo, opzione utile per evitare di consumare inutilmente energia elettrica. Nei migliori computer è consentito regolare la potenza del processore.

Disattivare gli screensaver e la connettività WiFi Lo screensaver permette certamente di consumare meno energia rispetto a quando viene visualizzata la normale schermata. In sua sostituzione, tuttavia, è preferibile scegliere lo spegnimento automatico del monitor, modalità che garantisce di ridurre ulteriormente i consumi di elettricità. Inoltre, se la connessione a Internet non viene utilizzata, è consigliabile disabilitare il WiFi, in quanto contribuisce a sforzare il dispositivo e ad aumentare la quantità di energia impiegata

Spegnere il PC
Molti utenti quando interrompono temporaneamente l'attività impostano la modalità di sospensione. Si tratta di un buon sistema per avviare velocemente il computer e riprendere a lavorare esattamente dal punto in cui ci si era fermati. In termini di dispendio energetico, tuttavia, mettere il computer in sospensione è una scelta errata, poiché il dispositivo continua a consumare elettricità. Quando il computer non viene usato per almeno 10 minuti è bene spegnerlo e riaccenderlo quando vi è un effettivo bisogno.

Staccare gli interruttori
Una volta conclusa la sessione di lavoro, di studio o di gioco con le slot è raccomandabile staccare l'alimentazione. I computer, infatti, assorbono energia anche quando sono spenti. Una buona soluzione è quella di acquistare una multipresa con interruttore o addirittura smart, onde poter staccare con un tasto o con un comando l'alimentazione di tutti i dispositivi collegati alla rete elettrica.

Scegliere un portatile
I computer portatili consumano meno energia di quelli fissi, specie per quanto riguarda i potenti PC da gaming. I notebook sono dotati una componentistica interna ridotta, fattore che porta la macchina a consumare di meno se rapportata a un computer desktop. In media, un portatile consuma dai 50 Watt, se impostato in modalità di risparmio energetico, fino a 150 Watt, mentre un fisso può spingersi oltre i 300 Watt. I portatili, inoltre, hanno il monitor integrato, il quale essendo generalmente di dimensioni più piccole rispetto ai comuni monitor esterni, richiede minore energia.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie