Trapani Oggi

Depositato l'avviso di conclusione indagine nei confronti di Alfonso Tumbarello - Trapani Oggi

Campobello di Mazara | Cronaca

Depositato l'avviso di conclusione indagine nei confronti di Alfonso Tumbarello

02 Agosto 2023 14:22, di Laura Spanò
visite 4649

Il medico deve rispondere di concorso esterno in associazione mafiosa

Depositato dalla Procura di Palermo l’avviso di conclusione delle indagini, atto che precede la richiesta di rinvio a giudizio, nei confronti del medico di Campobello di Mazara Alfonso Tumbarello. Il medico che ha avuto in cura il boss di Castelvetrano Matteo Messina Denaro durante la latitanza. Tumbarello, dallo scorso 15 luglio si trova agli arresti domiciliari e risponde di concorso esterno in associazione mafiosa.

Per garantigli le cure mediche per il tumore al colon, Tumbarello ha firmato 95 ricette per i farmaci e 42 analisi. Per un totale di 137 prescrizioni. L'ultimo favore fatto da Tumbarello a Messina Denaro risale alla mattina del 16 gennaio scorso giorno dell'arresto dell'ex boss a Palermo. Sono le 9.30 mentre a Palermo i carabinieri del Ros arrestano Matteo Messina Denaro, a Campobello, Andrea Bonafede si presenta per conto del cugino omonimo all’ambulatorio del dottore Tumbarello. Gli serve un farmaco, il Bisoplororo, per l’ipertensione arteriosa e i disturbi cardiovascolari. È l’ultimo passaggio di una “serie impressionante di prescrizioni” con cui il medico avrebbe favorito l'ex primula rossa. Grazie al loro aiuto, e alle 137 ricette Messina Denaro ha potuto contare sull’assistenza del Servizio sanitario nazionale. Si faceva curare da quello Stato che da 30 anni gli dava la caccia.

Per i pm Gianluca De Leo e Piero Padova e l’aggiunto Paolo Guido, il medico sapeva in realtà perfettamente che le prescrizioni erano per il boss. L’indagato si è difeso sostenendo che il vero Bonafede gli chiedeva esami e ricette per il suo cancro al colon non facendosi visitare allo studio perché non si sapesse della sua patologia e che l’avrebbe invitato a mantenere il segreto per motivi di riservatezza.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie