Trapani Oggi

Dopo la sparatoria la questura dispone la chiusura del locale di via Calatafimi - Trapani Oggi

Trapani | Cronaca

Dopo la sparatoria la questura dispone la chiusura del locale di via Calatafimi

13 Aprile 2024 15:09, di Laura Spanò
visite 8029

Nelle scorse settimane la Squadra Mobile aveva arrestato due fratelli

Dopo la sparatoria avvenuta in via Calatafimi, a Trapani, nelle vicinanze di un locale notturno, la questura ieri ha disposto la chiusura dell’attività commerciale per 15 giorni.

Ad eseguire il provvedimento nei confronti del titolare di un esercizio di vendita esomministrazione di alimenti e bevande con sede nel capoluogo, personale della Divisione Polizia Amministrativa e di sicurezza della Questura.

Ecco da cosa scaturisce il provvedimento di chiusura

Il provvedimento in questione - con cui è stata disposta la sospensione dell’attività per 15 giorni - scaturisce da un gravissimo episodio verificatosi il 10 marzo scorso quando uno dei clienti del locale è stato raggiunto da un colpo d’arma da fuoco ad una gamba dopo essere stato platealmente minacciato da due soggetti alla presenza di altri avventori e del titolare dell’esercizio.

Quest’ultimo, nella circostanza, a dispetto della gravità dei fatti e dell’urgente necessità di far intervenire personale sanitario in soccorso del ferito, non contattava né le Forze dell’ordine per evitare che la lite degenerasse né, successivamente allo sparo, il numero di emergenza per far intervenire personale del 118, determinando, con la sua condotta, il perdurare di una situazione di pericolo per la pubblica incolumità.

Malgrado ciò, in seguito alla grave vicenda, le indagini condotte dagli investigatori della Squadra Mobile di Trapani hanno consentito di assicurare alla giustizia i due aggressori i quali sono stati sottoposti alla misura della custodia cautelare in carcere per i reati di lesioni aggravate dall’uso di armi da sparo, porto in luogo pubblico di arma comune da sparo e minaccia aggravata.

© Riproduzione riservata

Tag Trapani
Ti potrebbero interessare
Altre Notizie