Trapani Oggi

Celebrazioni "25 Aprile". A Pantelleria vietato cantare "Bella Ciao", canzone simbolo della resistenza. La denuncia dell'Anpi - Trapani Oggi

Pantelleria | Cronaca

Celebrazioni "25 Aprile". A Pantelleria vietato cantare "Bella Ciao", canzone simbolo della resistenza. La denuncia dell'Anpi

24 Aprile 2024 06:23, di Redazione
visite 956

Il Comune nega l'inserimento della canzone nella scaletta delle celebrazioni

Vigilia del "25 Aprile" con le polemiche quella di Pantelleria. Senza alcuna spiegazione ufficiale, l'amministrazione comunale ha negato l'inserimento di ‘Bella ciao’ nella scaletta delle celebrazioni del 25 Aprile”. La denuncia arriva dall’Anpi di Pantelleria, alla vigilia della festa di Liberazione dal fascismo. Il Comune, spiegano, ha optato per il solo inno nazionale.

L’Anpi dell’Isola infatti con una lunga nota «esprime profonda preoccupazione e indignazione per la decisione dell’amministrazione comunale di censurare l’inno alla Resistenza italiana, Bella Ciao, per le celebrazioni del 25 aprile, Festa della Liberazione». «Senza alcuna spiegazione ufficiale, l’amministrazione comunale ha negato l’inserimento di Bella Ciao nella scaletta delle celebrazioni, optando per limitarsi all’esecuzione dell’inno nazionale - protesta l’Anpi - Tale decisione è incomprensibile e rappresenta un grave affronto alla memoria storica condivisa e ai valori della Resistenza». L’associazione dei partigiani ha sollevato la questione in due occasioni con l’amministrazione, «cercando di mediare la situazione e garantire il rispetto delle tradizioni e dei simboli della Resistenza».

«Tuttavia, nonostante i tentativi di dialogo, l’amministrazione comunale si è dimostrata ambigua e poco incline a risolvere la controversia in modo soddisfacente - sostiene l’Anpi - Bella Ciao non è solo una canzone, ma un simbolo di speranza, unità e libertà per l’Italia e per il mondo intero. Durante la Resistenza, è diventata l’inno degli oppressi contro gli oppressori, incarnando i valori più profondi della democrazia e della lotta per la libertà. La sua esclusione dalle celebrazioni del 25 aprile rappresenta un tentativo di cancellare una parte fondamentale della nostra storia nazionale e un’offesa alla memoria dei partigiani che hanno sacrificato le proprie vite per la libertà del nostro Paese».

L’Anpi di Pantelleria ribadisce «il proprio impegno a difendere i valori della Resistenza e a promuovere la conoscenza e la diffusione di Bella Ciao come patrimonio prezioso da proteggere e tramandare alle generazioni future».

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie