Trapani Oggi

Pesce e favori per chiudere un occhio - Trapani Oggi

Trapani | Cronaca

Pesce e favori per chiudere un occhio

20 Gennaio 2024 11:59, di
visite 4203

Emergono nuovi particolari sull'inchiesta culminata nell'arresto, per corruzione, di un militare infedele in servizio alla Guardia costiera di Trapani

Non soltanto cassette di pesce per chiudere un occhio e archiviare le sanzioni amministrative elevate dalla Guardia costiera, ma anche altri favori che comportavano vantaggi di natura economica. Emergono nuovi particolari nell'ambito dell'inchiesta che ha messo nei guai Francesco Ruggirello, 49 anni, militare della Capitaneria di porto di Trapani. Impiegato nei servizi di controllo eseguiti dal Corpo nel settore della pesca, ora è agli arresti domiciliari con l'obbligo di indossare il braccialetto elettronico. Corruzione, l'ipotesi di reato formulata dalla Procura del capoluogo.
Obbligo di dimora, invece, per Giuseppe Blunda, 55 anni, originario di Alcamo ma residente a Castellammare del Golfo, rappresentante legale della ditta “Miomercato Srl” di Calatafimi-Segesta.
Indagate altre tre  persone, tutti operanti nel settore del commercio di prodotti ittici. Due sono di Mazara del Vallo. Uno è di Paceco.
Secondo l'accusa  il militare “infedele”  si sarebbe fatto consegnare dagli indagati partite  di prodotti ittici  per annullare le sanzioni amministrative elevate nel corso dei controlli sulla filiera della pesca. Pesce e non solo perchè dalle indagini sarebbe anche emerso  che per annullare la multa elevata nel 2019, per illeciti amministrativi,  alla ditta “Miomercato”, Francesco Ruggirello si sarebbe fatto pagare da Giuseppe Blunda i lavori per un importo di 2000 euro, eseguiti nella sua abitazione di Valderice.
Frattanto, martedì prossimo Francesco Ruggirello, assistito dall'avvocato Nino Sugamele, comparirà dinnanzi al Gip di Trapani Samuele Corso, per l'interrogatorio di garanzia

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie