Trapani Oggi

Processo Annozero: il pg chiede la conferma delle condanne - Trapani Oggi

Palermo | Cronaca

Processo Annozero: il pg chiede la conferma delle condanne

01 Dicembre 2023 13:25, di Redazione
visite 1140

L'inchiesta coinvolse, oltre a Gaspare Como, anche Rosario Allegra (deceduto)

Il procuratore generale della Corte d’Appello di Palermo ha chiesto la conferma della sentenza con la quale, il 15 febbraio 2022, il Tribunale di Marsala condannò a complessivi 166 anni di carcere (esattamente quanti ne avevano invocato i pm della Dda) i 13 imputati del processo scaturito dall’operazione antimafia «Annozero» (blitz del 19 aprile 2018) che scelsero il processo con rito ordinario. L’indagine, condotta dai carabinieri, ha visto coinvolti due cognati del defunto boss Matteo Messina Denaro (Gaspare Como e Rosario Allegra, quest’ultimo deceduto il 13 giugno 2019, a 65 anni, a seguito di un aneurisma cerebrale, nell’ospedale di Terni) e altri fiancheggiatori di Cosa Nostra a Castelvetrano, a Mazara del Vallo e nel Belicino.

In primo grado, le pene più severe (25 anni di carcere ciascuno) sono state sentenziate per Gaspare Como, al quale si contesta un ruolo di vertice nella «famiglia» di Castelvetrano, e per Dario Messina, ritenuto dagli inquirenti il nuovo reggente del mandamento mafioso di Mazara del Vallo (mandamento che comprende anche la più grande città della provincia di Trapani: Marsala). Queste le altre pene inflitte dal Tribunale di Marsala: 21 anni per Vittorio Signorello, anche lui di Castelvetrano, 18 anni per Bruno Giacalone, di Mazara del Vallo, 17 anni ciascuno per Vito Bono, di Campobello di Mazara, e per il mazarese Giovanni Mattarella, genero del defunto boss Vito Gondola, detto «Coffa», 16 anni per il castelvetranese Carlo Cattaneo. Quest’ultimo, operante del settore delle sale giochi e scommesse on line, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa.

Infine, 7 anni di carcere per il campobellese Giuseppe Accardo, 4 anni e 4 mila euro di multa per l’ex consigliere comunale di Castelvetrano Calogero «Lillo» Giambalvo, e 4 anni ciascuno per Carlo Lanzetta, Nicola Scaminaci, Giuseppe Tommaso Crispino e Maria Letizia Asaro.

Tra le parti civili, anche i comuni di Castelvetrano e Campobello di Mazara, ai quali è stato accordato un risarcimento danni di 10 mila euro ciascuno. Cinquemila euro di risarcimento per Pasquale Calamia, ex consigliere comunale del Pd a Castelvetrano, che tra il 2008 e il 2013 subì alcune intimidazioni. Comminate anche pene accessorie e disposte confische di beni, quote societarie e conti correnti. Tra le accuse a vario titolo contestate agli imputati, oltre all’associazione mafiosa, anche l’estorsione, i danneggiamenti (incendi), il trasferimento fraudolento di valori e il favoreggiamento. Nell’indagine, è emerso l’interesse della mafia nel settore delle scommesse on line.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie