Trapani Oggi

Vicenda giudiziaria Iuventa: i legali della Ong parlano di "Testimoni inattendibili" - Trapani Oggi

Trapani | Cronaca

Vicenda giudiziaria Iuventa: i legali della Ong parlano di "Testimoni inattendibili"

12 Febbraio 2024 09:13, di Redazione
visite 782

E' quanto emerso nell'udienza di sabato

«L’udienza preliminare di sabato dedicata all’esame dei testimoni d’accusa, ha contribuito a far emergere i secondi fini e la assoluta mancanza di credibilità dei testimoni su cui l’accusa ha costruito l’intero caso. Gli imputati sperano quindi che l’udienza segni l’inizio della fine del processo, poiché è chiaramente emerso che le accuse dei testimoni sono state costruite a tavolino e politicamente motivate». È quanto si legge in una nota della difesa della nave umanitaria Iuventa. L’indagine lo ricordiamo coinvolge 21 persone di Jugend Rettet, Save the children e Medici senza frontiere; l’accusa è di «favoreggiamento di immigrazione illegale».

L’esistenza di «testimoni oculari affidabili e attendibili», sostiene la Ong, è sinora sempre stato considerato l’elemento distintivo e peculiare del caso Iuventa e la principale differenza rispetto alle decine di altri casi contro le Ong che si occupano di soccorso in mare, che non sono mai arrivati al processo o sono stati immediatamente archiviati

«Tuttavia, - prosegue la nota - l’udienza ha gettato una luce molto diversa su tale approccio. I due testimoni chiave sono infatti stati sostanzialmente licenziati dalle forze di polizia a causa di una storia professionale segnata da bugie, frodi, diffamazione e negligenza. La procura di Trapani era pienamente consapevole del loro torbido passato fin dall’inizio, ordinando persino di intercettarne i telefoni per verificarne le dichiarazioni. Il fatto che abbiano contattato Matteo Salvini e che abbiano scambiato con lui informazioni e materiale rivela le inclinazioni e le motivazioni politiche alla base delle loro accuse e testimonianze».

«L’esame incrociato dei testimoni dell’accusa, finalmente ordinato dall’autorità giudiziaria per verificare la loro credibilità - sottolinea l’avvocato Nicola Canestrini -, ha confermato l’assoluta mancanza di prove per i capi d’accusa. L’immediata chiusura del procedimento iniziato 8 anni fa è l’unica opzione accettabile in uno Stato di diritto».

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie