Trapani Oggi

Marsala. Scommesse online illegali, chiesto il processo per 12 persone - Trapani Oggi

Marsala | Cronaca

Marsala. Scommesse online illegali, chiesto il processo per 12 persone

13 Aprile 2024 21:57, di Redazione
visite 827

Per la guardia di finanza dal febbraio 2018 al maggio 2021, il giro di affari illeciti sarebbe ammontato a 23 milioni

La Procura di Marsala ha chiesto il rinvio a giudizio di 12 persone coinvolte in un giro di scommesse online, secondo l’accusa illegali. La prima udienza davanti al gup di Marsala è fissata per il prossimo 22 maggio.Un giro di scommesse che, secondo la stima della guardia di finanza, dal febbraio 2018 al maggio 2021 sarebbe ammontato a 23 milioni di euro. Due le organizzazioni individuate dalle Fiamme gialle. L'operazione fu effettuata lo scorso mese di gennaio, ed è stata coordinata dal pm Calogero Roberto Piscitello.

Il rinvio a giudizio è stato chiesto per i coniugi marsalesi Giovanni Marchese, di 40 anni, e Marica Genco, di 38, gestori di un centro scommesse on line a Strasatti, frazione di Marsala; per Carlo Napoli, 67 anni, di Erice, uno dei personaggi principali sui quali ruota l’inchiesta delle Fiamme gialle; Giuseppe Granata, 66 anni, nato a Polizzi Generosa (Pa), ma residente a Favignana e domiciliato a Trapani; Luigi Cascio, 62 anni, trapanese, attualmente agli arresti domiciliari; Antonino Danilo Angileri, 54 anni, di Petrosino; Filippo Gallina, di 46, di Bisacquino (Pa); Salvatore Marino, di 48 anni e Michelangelo Tilotta, di 42, entrambi di Paceco; Maria Canino, di 64, di Erice; Gabriele Napoli, di 38, di Erice, ma residente a Favignana, e Sebastiano Silvio Sciacca, di 52, di Marsala. La prima udienza davanti al gup di Marsala è fissata per il prossimo 22 maggio.

Lo scorso gennaio, furono posti agli arresti domiciliari Giovanni Marchese, Carlo Napoli, Giuseppe Granata e Luigi Cascio, mentre la misura cautelare dell’obbligo di dimora nei rispettivi Comuni di residenza è stata disposta per Angileri e Gallina. Misura cautelare interdittiva temporanea del divieto di esercitare la loro professione di tecnici informatici/programmatori per i pacecoti Marino e Tilotta, e divieto di esercitare attività imprenditoriali per Marica Genco.

Sequestrati beni immobili, mobili e le quote sociali per circa 2 milioni e 600 mila euro.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie