Trapani Oggi
Trapani Oggi

Mercoledì, 21 Aprile 2021

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Naufragio Nuova Iside: annullati i domiciliari al Ceo del gruppo "Augusta Due" - Trapani Oggi

0 Commenti

0

0

0

0

0

Testo

Stampa

Cronaca

Naufragio Nuova Iside: annullati i domiciliari al Ceo del gruppo "Augusta Due"

04 Marzo 2021 13:54, di Laura Spanò
Naufragio Nuova Iside: annullati i domiciliari al Ceo del gruppo "Augusta Due"
Cronaca
visite 928

Annullato il provvedimento di custodia cautelare dell’armatore Raffaele Brullo, Ceo del gruppo
Augusta Due
, che torna in libertà con decorrenza immediata.
Il provvedimento che annulla l’ordinanza cautelare del Giudice per le Indagini Preliminari del
Tribunale di Palermo, è stato assunto dal Tribunale del riesame, esaminati i documenti
relativi all’inchiesta in corso sull’affondamento del peschereccio Nuova Iside e alla presunzione di un coinvolgimento in questo sinistro della petroliera “Vulcanello M” in navigazione al largo di San
Vito Lo Capo, il 12 maggio 2020, dove morirono tre marittimi: Matteo e Vito Lo Iacono, padre e figlio e il cugino di Vito, Giuseppe Lo Iacopo.
Raffaele Brullo torna quindi in libertà e resta saldamente al timone della sua compagnia di
navigazione Augusta Due che non ha mai ceduto neppure nei momenti più complessi e difficili.Brullo, difeso dall’avvocato Giovanni Di Benedetto, fu posto ai domiciliari mentre Giuseppe Caratozzolo, terzo ufficiale e Gioacchino Costagliola, comandante della petroliera Vulcanello, finirono in carcere con le accuse a vario titolo di omicidio colposo e omissione di assistenza. L'armatore del Vulcanello rispondeva di favoreggiamento e frode processuale. Secondo i pm la Vulcanello proseguì nella sua navigazione nonostante sul radar fosse evidente la posizione del peschereccio, non invertendo la rotta e non diminuendo la velocità. Il Nuova Iside venne speronato e affondato. Dopo l'impatto la petroliera venne ridipinta per cancellare le tracce dell’incidente, dice l’accusa, che, per i pm, sarebbe stato causato da una condotta imprudente dei due ufficiali. Per l'accusa, sarebbe stato l’armatore a decidere di cancellare le tracce dell’impatto. Il tribunale del Riesame depositerà nei prossimi giorni le motivazioni della decisione che ha annullato gli arresti domiciliari imposti all’armatore.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings